Pasqua 2014 la maggioranza degli italiani ha detto 'no' alla carne d'agnello

Italia
Continuano a scendere le vendite: -8%. La maggioranza degli italiani non ha consumato carne d'agnello durante la Pasqua 2014.

Il 2014 segna un dato importantissimo: per la prima volta nella storia recente del nostro Paese la maggioranza degli italiani non ha portato in tavola la carne di agnello durante la Pasqua. Sono state 6 su 10 le famiglie che hanno scelto di non consumare la carne di questi cuccioli in occasione delle ultime feste. Si conferma così il calo dei consumi, che già lo scorso anno aveva registrato una diminuzione della richiesta pari al 40%. www.SalvaUnAgnello.comQuest’anno, rispetto alla Pasqua 2013, il dato si è rafforzato: le vendite sono andate giù di un ulteriore 8%, come rileva Federconsumatori. Si tratta, in termini assoluti, di decine e decine di migliaia di cuccioli che non hanno dovuto affrontare una breve esistenza costellata di enormi sofferenze e crudeltà inimmaginabili. La conferma di come anche in Italia si stia diffondendo una nuova consapevolezza sulle conseguenze delle proprie scelte alimentari.

Ricordiamo che a ridosso delle feste Animal Equality ha presentato in esclusiva una nuova indagine attraverso la diffusione di uno sconvolgente video, realizzato con telecamere nascoste in allevamenti e macelli italiani. Ad accompagnarlo, la voce narrante dell'attrice Claudia Zanella. L’investigazione, che ha svelato tremendi atti di crudeltà e maltrattamenti perpetrati nei confronti di agnelli e capretti, ha avuto grandissima risonanza sui media nazionali ed internazionali: in pochissimi giorni ha raggiunto centinaia di migliaia di persone attraverso i canali video del Corriere della Sera, La Repubblica, Leggo e molte altre testate.

Campagna Virale 'Salva Un Agnello'L'indagine è stata affiancata dalla campagna nazionale “Salva Un Agnello” che ha scosso notevolmente l'interesse degli italiani: in pochissimo tempo oltre 10.000 persone hanno sottoscritto il loro impegno a non consumare carne di agnello e capretto durante la Pasqua appena trascorsa, compilando l'apposito form sul sito www.SalvaUnAgnello.com. Sono state poi centinaina le persone che hanno aderito alla parallela iniziativa “virale” che li ha portati a scattarsi un selfie con l’apposita cartolina e a pubblicarlo sul proprio profilo Facebook, Twitter o Instagram con l’hashtag #SalvaUnAgnello. Tra gli altri, hanno aderito all’iniziativa, postando il proprio scatto, anche alcuni volti noti dello spettacolo come il conduttore Red Ronnie, la scrittrice e dj Paola Maugeri e l’attrice Claudia Zanella.

 

Fonte: 

Il Sole 24 Ore (su sondaggio Coldiretti/Ixè che riporta il consumo al 41% e 6 famiglie su 10 che hanno scelto di non mangiare carne d'agnello)

Federconsumatori (rilevamento sul calo del -8% delle vendite)

Coldiretti (sondaggio del 2013 che riporta il consumo del 48% e 1 famiglia su 2 che ha scelto di non mangiare carne d'agnello)