Investigazioni

Sottratti al triste destino - Investigati i trasporti di agnelli

LA VERITÀ SULLA CARNE DI MAIALE
ITALIA 2015

Animal Equality ha collaborato a stretto contatto con il noto programma AnnoUno, per un’inchiesta televisiva senza precedenti andata in onda giovedì 21 maggio sul canale La7 con 1.020.936 persone davanti allo schermo e il 4,83% di share. A seguito di quest’inchiesta, Animal Equality ha lanciato in esclusiva sul Corriere della Sera ulteriori immagini sconvolgenti che denunciano la realtà vissuta da milioni di maiali all’interno di diversi allevamenti intensivi e nei macelli. La nostra squadra investigativa ha ottenuto riprese sotto copertura di quello che accade ai maiali durante la macellazione e reso pubbliche diverse immagini di come vengono trattati questi animali negli allevamenti, dall’inizio della loro vita.

Visita → www.AnimalEquality.it/carne-di-maiale


Sottratti al triste destino - Investigati i trasporti di agnelli

SOTTRATTI AL TRISTE DESTINO - I TRASPORTI DI AGNELLI
ITALIA 2014

Animal Equality non ferma il suo lavoro sui retroscena del commercio di carne di agnello in Italia e lancia un importante aggiornamento per la campagna 'Salva Un Agnello', con una nuova investigazione realizzata sui tremendi viaggi che gli agnelli devono sostenere prima di affrontare il loro triste destino nei macelli italiani. L’obiettivo degli investigatori era ottenere più materiale possibile per poter mostrare all’opinione pubblica l’incredibile disagio psico-emotivo di questi animali, ammassati, tenuti senz’acqua, costretti a viaggi estenuanti dopo essere stati separati dalle loro madri. Intenti a documentare quello che accadeva, abbiamo dovuto prendere atto che a porre fine a tanta sofferenza possono essere solo i consumatori, attraverso scelte consapevoli. È possibile evitare tutto questo, prendendo coscienza di ciò che Animal Equality sta esponendo nei periodi di maggior consumo come Pasqua e Natale. In alcuni di questi casi i trasporti sono stati controllati dalla forze di polizia, intervenute tempestivamente su impulso degli investigatori di Animal Equality. Per ognuno dei camion filmati le autorità sono state allertate, descrivendo puntualmente le irregolarità osservate e relative alle condizioni di viaggio degli animali, e atteso il loro intervento per accertamenti ed eventuali sanzioni ai trasportatori, allevatori e proprietari dei macelli che commissionano simili carichi.

Visita → www.SalvaUnAgnello.com


Basta Moda Crudele - Le vite dei cani-procione e volpi

'BASTA MODA CRUDELE' - CANI-PROCIONE E VOLPI
CINA 2014

Animal Equality rende pubblica una nuova investigazione realizzata in Cina: stavolta si tratta delle durissime immagini che raccontano a quali sofferenze sono sottoposti i cani-procione allevati (insieme alle volpi e ad animali di altre specie) per la loro pelliccia, destinata poi al mercato internazionale dell’abbigliamento. Nella regione di Shandong gli investigatori hanno filmato le tremende condizioni di vita di questi animali, che appartengono alla famiglia dei canidi, la stessa che racchiude anche i cani domestici.

Visita → www.BastaModaCrudele.org


Crudeltà rituale - la violenza della macellazione rituale halal

'CRUDELTÁ RITUALE' - LA MACELLAZIONE HALAL
ITALIA 2014

Gli investigatori di Animal Equality si sono infiltrati e hanno avuto l’opportunità di riprendere cosa è accaduto durante le fasi di carico e scarico di centinaia di animali, esponendo successivamente il terribile trattamento riservato durante la macellazione rituale in una delle circa 200 strutture italiane in cui è permessa. Le immagini raccolte denunciano la violenza inferta nelle fasi del rito ‘halal’ a centinaia di montoni, durante la Festa del Sacrificio o di Aid al Ahda, mostrando il cruento trattamento rivolto agli animali, continuamente percossi, sbattuti contro delle grate, legati e costretti a vedere i propri simili barbaramente uccisi.

Visita → www.Macelli.info/halal


Fermiamo il sacrificio - Il massacro di Gadhimai

'FERMIAMO IL SACRIFICIO' - IL MASSACRO DI GADHIMAI
INDIA 2014

Una campagna internazionale di Animal Equality per fermare il più grande sacrificio di animali del mondo, che avviene durante il Festival di Gadhimai in Nepal. Il Festival si svolge ogni cinque anni per compiacere la dea hindu Gadhimai; durante l’ultima manifestazione nel 2009 sono stati uccisi tral i 200.000 e i 500.000 animali. Animal Equality ha indirizzato una petizione per spingere il governo nepalese a mettere fuorilegge i sacrifici di animali durante il Festival e promuovere invece alternative più compassionevoli come il sacrificio di zucche, o il sacrificio di qualche goccia di sangue dei fedeli stessi. La campagna è stata lanciata in sette paesi: Spagna, Italia, Germania, Inghilterra, India, Messico e, appunto, Stati Uniti.

Visita → www.FermiamoilSacrificio.org


Vite Spezzate - l'incredibile violenza negli allevamenti di conigli in Spagna

'VITE SPEZZATE' - L'INCREDIBILE VIOLENZA SUI CONIGLI
SPAGNA 2014

 

Animal Equality ha denunciato oltre 70 allevamenti di conigli in Spagna per maltrattamento verso gli animali. Si tratta del frutto di un lavoro di documentazione durato due anni, realizzato dagli investigatori infiltrati negli allevamenti, alcuni dei quali premiati per la qualità, e in 4 macelli, in 14 regioni diverse del paese iberico. Le prove raccolte evidenziano gravi irregolarità in materia di benessere animale e igiene: lavoratori che sbattono violentemente gli animali malati contro il suolo, animali gravemente malati lasciati nelle gabbie senza alcuna cura veterinaria, aziende che vendono conigli ai ristoranti senza ricevere alcun controllo sanitario, un veterinario che sbatte un coniglio per terra e, non sapendo di essere ripreso, conferma che quello che sta facendo è una procedura considerata maltrattamento sugli animali.

 

Visita → www.ViteSpezzate.org


Nessuna pietà - la sofferenza degli agnelli e capretti allo scoperto

'NESSUNA PIETÁ' - LA VIOLENZA SU AGNELLI E CAPRETTI
ITALIA 2014

 

Animal Equality ha continuato senza sosta il lavoro investigativo per mostrare la realtà che si cela dietro la produzione di carne d’agnello e capretto, rivelando una realtà che neanche lontanamente riusciresti ad immaginare. Un nuovo sconvolgente video, accompagnato dalla voce narrante dell’attrice Claudia Zanella e frutto di un’indagine sotto copertura, svela tremendi atti di crudeltà e maltrattamenti perpetrati nei confronti di agnelli e capretti all’interno di allevamenti e macelli italiani a ridosso della Pasqua 2014. Il materiale raccolto dai nostri investigatori negli allevamenti e nei macelli italiani espone una realtà diffusa e non casi isolati. Animali stipati in spazi ristretti, senza ripari, in mezzo a rifiuti e rottami; pecore malate, lasciate per ore legate, allontanate dal gregge, senza alcuna cura veterinaria, in attesa della macellazione; agnelli separati dalle loro madri, spesso affette da mastite e con le mammelle in necrosi. Queste scene non sono che il preludio ad una fine tremendamente dolorosa, come dimostrano le immagini realizzate dagli attivisti.

 

Visita → www.SalvaUnAgnello.com


Il commercio della carne di cane in Cina

IL COMMERCIO DELLA CARNE DI CANE E GATTO
CINA 2013

Un’intensa investigazione sui macelli e i mercati della carne di cane nella penisola di Leizhou e nella provincia di Pengijang, in Cina. I cani, allevati per la produzione di carne, sono spesso prelevati dalle strade oppure rubati alle loro famiglie. Vengono tenuti per quasi tutta la loro vita in gabbie metalliche dove soffrono in maniera terribile sia fisicamente, che psicologicamente. Mentre si trovano rinchiusi nelle gabbie sono molto spaventati perché non sanno che cosa accadrà loro. Nella maggior parte dei casi non possono nemmeno muoversi, soffrono la fame, il freddo o il caldo e la mancanza d’acqua. La loro fine è altrettanto terribile. Dopo diversi colpi alla testa vengono lasciati in stato di parziale incoscienza prima di essere accoltellati, con una ferita che risulterà letale. I cani continueranno a perdere sangue, per morire dopo qualche minuto di agonia, cercando invano di scappare. Animal Equality ha iniziato una campagna per porre fine al consumo e alla produzione di carne di cane in Cina. Proprio come te noi siamo parte di quelle milioni di persone che pensa che la macellazione di cani e gatti, per il consumo umano, sia inaccettabile. Per questo stiamo sollecitando il governo Cinese affinché proibisca subito questa crudele attività.

Visita → www.SenzaVoce.org


La breve vita degli agnelli

LA BREVE VITA DEGLI AGNELLI
ITALIA 2013

Una investigazione sulla carne di agnello è stata realizzata da attivisti sotto copertura, infiltrati all'interno di diversi allevamenti e di alcuni macelli. Le riprese video e le foto mostrano il vero volto della pastorizia e dell'industria ovina. Ogni anno in Italia sono circa 4 milioni gli agnelli uccisi, cuccioli con poco più di un mese di vita, separati dall'intimo legame con le loro madri, maltrattati, marchiati e trasportati verso una fine crudele e violenta. Circa 800.000 muoiono esclusivamente nel periodo di Pasqua (assieme a pecore e capretti). Gli agnelli e gli ovini in generale vengono spesso ritratti a contatto con la natura, vivendo la loro breve vita con gli esseri umani che li allevano. E' diventata consuetudine concepire questi aspetti come l'unico volto della pastorizia, un volto apparentemente umano e rispettoso, ma che in realtà cela aspetti drammatici che abbiamo recentemente svelato all'opinione pubblica.

Visita → www.SalvaUnAgnello.com


L'allevamento a Camarles di macachi destinati alla sperimentazione

CAMARLES, MACACHI DESTINATI ALLA SPERIMENTAZIONE
SPAGNA 2013

Ogni anno, tra i 1.500 e 2.000 macachi vengono catturati nell'isola di Mauritius, con l'ausilio di gabbie-trappola e detenuti per anni, in recinti di cemento totalmente privi di vegetazione, a fini riproduttivi. I nuovi nati vengono inviati in Europa, per mezzo della compagnia aerea Air France, in box di legno. Il viaggio è lungo 12 ore e più di 10.000 chilometri, e termina al centro per l'allevamento e la distribuzione della Camarney SL-Noveprim Europa Ltd., a Camarles, dove siamo riusciti ad ottenere immagini inedite della condizione tremenda di questi animali. Da qui saranno successivamente inviati ai laboratori. Le poche compagnie aeree che trasportano questi animali ai laboratori - come Air France o Aeronova – sono oggetto di proteste da parte dei cittadini indignati che vogliono porre fine alle sofferenze di questi animali. Animal Equality si unisce a queste campagne per sensibilizzare l'opinione pubblica su tale questione, chiedendo un cambio di politica aziendale alle compagnie di volo che trasportano animali e che sono quindi complici di questa tremenda ingiustizia.

Visita → www.SperimentazioneAnimale.info


Gli allevamenti di foie gras

FOIE GRAS, CRUDELTÁ AL DI LÁ DEL PALATO
SPAGNA/FRANCIA 2012

Una nuova scioccante investigazione sull''industria del foie gras in Europa. I nostri investigatori hanno visitato 4 allevamenti 'tradizionali' nella Francia sud-ovest e altri 5 allevamenti in Catalogna, Spagna. L’allevamento tradizionale si presuppone garantisca 'le più alte condizioni di benessere', tuttavia in ognuno degli stabilimenti visitati Animal Equality ha documentato scene raccapriccianti di violenza fisica e sofferenza psicologica. Le anatre e le oche sfruttate per produrre il foie gras subiscono l’agonia giornaliera dell’alimentazione forzata che consente agli allevatori di ottenere dalla malattia indotta negli animali, fegati grassi (lipidosi epatica). In libertà questi animali vivrebbero 10/15 anni, a causa di questa produzione vengono uccisi a soli 4 mesi d’età. Animal Equality ha inoltre lanciato in Italia (dove l'allevamento per il prodotto specifico tradizionale è vietato dal 2007) una campagna per chiedere a diverse catene di supermercati di rivedere le scelte aziendali e cessare finalmente la distribuzione e vendita di foie gras.

Visita → www.Foie-Gras.it


La mattanza dei tonni

CARLOFORTE, LA MATTANZA DEI TONNI
ITALIA 2012

Un'investigazione sotto copertura, con diverse riprese video e numerose immagini (anche sott'acqua), svela la mattanza dei tonni, una pratica cruenta che tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, nella località di Carloforte, Porto Scuso e Porto Paglia (Sardegna), uccide migliaia di tonni rossi (conosciuti come 'pinna blu'), mentre migrano in precisi luoghi per riprodursi. Ogni anno migliaia di individui muoiono dopo atroci sofferenze durante quella che è appunto nota comunemente e tristemente come la tradizionale 'mattanza dei tonni'.

Visita → www.LaMattanzaDeiTonni.org